Cerca su creativecommons.org Pubblica su creativecommons.org Le licenze Creative Commons offrono sei diverse articolazioni dei diritti d'autore per artisti, giornalisti, docenti, istituzioni e, in genere, creatori che desiderino condividere in maniera ampia le proprie opere secondo il modello "alcuni diritti riservati". Il detentore dei diritti puo' non autorizzare a priori usi prevalentemente commerciali dell'opera (opzione Non commerciale, acronimo inglese: NC) o la creazione di opere derivate (Non opere derivate, acronimo: ND); e se sono possibili opere derivate, puo' imporre l'obbligo di rilasciarle con la stessa licenza dell'opera originaria (Condividi allo stesso modo, acronimo: SA, da "Share-Alike"). Le combinazioni di queste scelte generano le sei licenze CC, disponibili anche in versione italiana. Creative Commons è un'organizzazione non-profit. Le licenze Creative Commons, come tutti i nostri strumenti, sono utilizzabili liberamente e gratuitamente, senza alcuna necessita' di contattare CC per permessi o registrazioni. Per saperne di più, puoi leggere una introduzione a CC, guardare l'animazione "Diventa Creativo", frequentare le nostre liste e navigare nel nostro sito.

Share Remix Reuse – LEGALLY. La città digitale che vogliamo

Il 27 maggio alle ore 18 al Fablab Italia (Stazione Futuro, Corso Castelfidardo, 22 - Torino) si parlerà di rivoluzione digitale e condivisione di informazioni e futuro della città di Torino. Interpretando un crescente interesse da parte della società e di numerosi giovani creativi riguardo queste tematiche avremo nostri ospiti Juan Carlos De Martin, Fosca Nomis e Vittorio Bertola che ci parleranno di Creative Commons e di Torino Digitale, il progetto che vuole fare di Torino “la prima città italiana al passo con l’Agenda Digitale europea”.

Creative Commons Global Meeting 2011 - Poland

Il 16 e il 17 settembre 2011 si terrà a Varsavia il Creative Commons Global Meeting 2011.

L'incontro permetterà allo staff di Creative Commons, ai membri del CC Board e ad affiliati provenienti da più di 70 giurisdizioni di incontrarsi non solo per celebrare i traguardi più recenti (in particolare, il lancio di CC0 e del Public Domain Mark) e tracciarne un primo bilancio, ma anche e soprattutto per pianificare l'inizio dei lavori necessari all'elaborazione della versione 4.0 delle licenze CC.

Incontro "Creative Commons - Approcci collaborativi alla Proprietà intellettuale": 26 aprile 2011

default image default image default image default image default image


In occasione della Giornata mondiale della Proprietà Intellettuale, il 26 aprile 2011 si terrà l'incontro "Creative Commons - Approcci collaborativi alla Proprietà intellettuale".

L'incontro, organizzato dalla Camera di Commercio di Torino e dal Centro Patlib, in collaborazione con l'Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale e Creative Commons Italia, sarà dedicato all'approfondimento delle licenze Creative Commons ed alla loro recente applicazione anche in campo brevettuale, descrivendo le esperienze, le difficoltà, gli sviluppi e il ruolo che esse possono ricoprire nel mondo dell'impresa, degli enti pubblici e nella società.

L'incontro si terrà dalle ore 14.30 alle ore 17.30 presso il Centro Congressi Torino Incontra (Sala Giolitti), Via Nino Costa, 8 - Torino.

Il programma dell'incontro è disponibile qui.

Interverranno:
Alessandro Barberis – Presidente della Camera di commercio di Torino
Luciano Bosotti – Presidente dell’Ordine dei Consulenti in Proprietà industriale
Juan Carlos De Martin - Lead Creative Commons Italia, Co-fondatore e Co-direttore del Centro NEXA su Internet & Società del Politecnico di Torino
Marco Ricolfi - Coordinatore scientifico Creative Commons Italia, Co-fondatore e Co-direttore del Centro NEXA su Internet & Società del Politecnico di Torino
Mario Aprà – Consulente in Proprietà industriale

Iscrizione presso la Segreteria Organizzativa:
Settore Proprietà industriale - Centro PATLIB
Via San Francesco da Paola, 24
10123 Torino
E-mail: patlib@to.camcom.it

"Ci vuole poco per fare una università migliore": libro con licenza Creative Commons

Segnaliamo che il libro "Ci vuole poco per fare una università migliore" di Vincenzo Zeno-Zencovich, edito da Il Sirente, è pubblicato con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.

Il libro è disponibile anche in formato PDF (qui).


Vincenzo Zeno-Zencovich è professore di diritto comparato nell’Università Roma Tre e si occupa principalmente di diritto privato europeo, di media e di nuove tecnologie della informazione e della comunicazione. È intensamente impegnato nelle relazioni universitarie internazionali.

Mini HowTo: trovare musica in CC sul Web

Creative Commons Italia riceve spesso domande relative a come trovare sul Web musica licenziata in CC, che possa essere usata anche per scopi commerciali, ad esempio come musica d'ambiente, sottofondo per l'attesa telefonica, etc.

Concorso Torino Open Data

Biennale Democrazia 2011, la Città di Torino, CSI-Piemonte e il Centro Nexa su Internet e Società del Politecnico di Torino promuovono il concorso d’idee “Torino Open Data – Idee e tecnologie per la democrazia”.

Scopo del concorso è quello di presentare al pubblico durante Biennale Democrazia 2011 idee, prototipi o versioni complete di applicazioni software per qualsiasi piattaforma – siti web, applicazioni mobili, widget, mashups, infografiche interattive – che utilizzino almeno uno dei dataset della Città di Torino messi a disposizione con licenza Creative Commons 0 1.0 Universal sul sito di Biennale Democrazia (vedi qui), anche in combinazione con altri dati e servizi disponibili on line.

I progetti migliori saranno presentati durante Biennale Democrazia e vinceranno un tablet, abbonamenti ai musei e la possibilità di proporre la propria idea allʼIncubatore del Politecnico di Torino e l’accesso al Development Program di TOP-IX.

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate entro il 21 marzo 2011.

Tutti i dettagli per partecipare sono disponibili qui.

Comune di Pavia: dati geografici con licenza Creative Commons

Riceviamo notizia che il Comune di Pavia ha recentemente deciso di mettere a disposizione i dati geografici pubblicati sul proprio Portale Cartografico Comunale con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia.

Come si può leggere in questo breve comunicato, la Giunta Comunale ha inteso intraprendere un'iniziativa concreta verso la libera divulgazione del dato geografico, in conformità con quanto indicato dalle "Linee guida per i siti web" predisposte dal Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione.

In questa pagina del sito comunale è possibile avere maggiori informazione e accedere al download dei dati geografici.

CORTI A PONTE - un altro film festival, edizione 2011

Anche quest'anno il Comune di Ponte San Nicolò (Padova) organizza la rassegna concorso di cortometraggi "Corti a Ponte", con premio speciale per cortometraggi pubblicati con licenza Creative Commons.

Tra le tematiche dell'edizione 2011:

La rassegna si terrà a Ponte San Nicolò dal 13 al 21 Maggio 2011.

Per partecipare è necessario iscriversi entro il 28 Febbraio 2011 (per tutti i dettagli è possibile consultare il regolamento sul sito della rassegna).


Qui sotto potete visionare il corto "PET", di Giacomo Livotto (TV), vincitore lo scorso anno del Premio Creative Commons 2010.


Nelle stesse parole degli organizzatori, il Festival si propone come obiettivi, tra gli altri, di creare occasioni di fruizione, educazione e scambio di buona arte; di stimolare l'espressione artistica di professionisti, amatori e principianti; e di essere un occasione di rivalutazione del Comune mettendo in risalto alcuni aspetti dimenticati del territorio. Il Festival intende inoltre creare stimoli di riflessione pubblica sul bene comune (in particolare nell'ambito del software e del diritto d'autore) ed educare alla legalità nel rispetto del diritto d'autore (sia copyright che copyleft).

Resoconto PD Day a Torino - 22 gennaio 2011

communia logoLa celebrazione del Pubblico Dominio 2011 ha rappresentato un'ottima occasione per comprendere le prospettive legate alla diffusione della cultura grazie a Internet e alla rivoluzione digitale. La realizzazione dell’evento è stata possibile mediante lo sforzo congiunto di Juan Carlos De Martin co-fondatore del Centro NEXA su Internet & Società (Dauin) del Politecnico di Torino, Federico Peiretti, a capo del progetto PolyMath dell’Istituto Superiore Mario Boella ed Angelo Raffaele Meo, già Presidente dell’Accademia delle Scienze di Torino dal 2006 al 2009. L'iniziativa ha avuto il sostegno del Politecnico di Torino e partecipa del Progetto europeo COMMUNIA. Nel suggestivo Salone d'Onore del Castello del Valentino di Torino, De Martin, portando i saluti del Rettore del Politecnico, ha ricordato come il diritto d'autore rappresenti soltanto una condizione temporanea in cui si trova l'opera dell'ingegno, mentre il Pubblico Dominio ne esprima lo “stato naturale”.

"Agenda Digitale" sotto Creative Commons

Il sito dell'iniziativa "Diamo all'Italia un'Agenda Digitale", pubblicizzata oggi anche con un appello a pagamento sul Corriere della Sera, è stata rilasciato con licenza Creative Commons.

Syndicate content