[community] CC, Etichette indipendenti, SIAE e la distribuzione tradizionale

dieeasy dieeasy.moo a gmail.com
Ven 11 Dic 2009 18:04:07 CET


Il giorno Fri, 11 Dec 2009 17:35:41 +0100
Marco Bertorello <marco.bertorello a gmail.com> ha scritto:

> Per rispondere a TUTTA LA LISTA, utilizzate il comando 'Rispondi a
> tutti' o 'Rispondi alla lista'; con il comando 'Rispondi', invece,
> risponderete solo all'autore del messaggio.
> -------------------------------------------------------------------
> 
> 
> Il 11 dicembre 2009 17.16, dieeasy <dieeasy.moo a gmail.com> ha scritto:
> > Il giorno Fri, 11 Dec 2009 14:24:16 +0100
> > Marco Bertorello <marco.bertorello a gmail.com> ha scritto:
> >
> >
> >        Ciao Marco,
> 
> Ciao! Quant'è piccola Iernet, eh? :)

Giusto un po'!

> >> [...]
> >>
> >> > ...ci sono metodi per depositare i brani
> >> > legalmente riconosciuti alternativi che usano la "firma
> >> > digitale"...

Approfitto del thread per sottoporre alla vostra attenzione una cosa che
mi gira in testa da un po' ma che non riesco a indagare a fondo da solo:

Se non sbaglio in Italia, per legge, le pubbliche amministrazioni
devono essere dotate di Posta Elettronica Certificata, non so se anche
di firma digitale qualificata/forte/completa/virile/yang tipo una smart
card di Infocamere o simile.
Un comune dovrebbe sottostare alle stesse leggi e tra le altre cose ha
un ufficio chiamato anagrafe i cui impiegati agiscono come pubblici
ufficiali, sempre se non erro. Dico questo, con particolare riferimento
alla firma digitale, perché mi sembra di ricordare che le marche
temporali sono gratis per i comuni.. ma potrei essere confuso.

Combinando le due cose si dovrebbe ottenere una cosa molto
interessante, cioè la possibilità di identificare in modo certo e
legalmente opponibile un infividuo e _contestualmente_ firmare un'opera
a suo nome, con gli strumenti del comune. Questa combinata dovrebbe
essere molto valida in caso di controversie e credo che difficilmente
qualcuno si possa permettere di opporre log di webserver o quant'altro
ci si possa inventare, quando dall'altra parte c'è un'identificazione
da parte di un'anagrafe abbinata alla certificazione che un'opera era
in suo possesso in una data ben precisa e che quell'opera così
validata non è stata alterata. Basterebbe farsi mandare la mail
contenente l'archivio firmato e si avrebbe sempre in mano la prova.

Nel caso i comuni avessero invece in dotazione solo una PEC, allora
credo ci sia poco da fare, perché a quanto ne so la PEC ha una validità
legale in merito ai contenuti molto limitata e in ogni caso è qualcosa
che non esiste e non ha valore legale fuori dall'Italia.

> Ne potrebbe uscire un "Indie Label How-to" :)

Me lo auguro!
Se metti qualcosa online fammi sapere che metto il link ovunque vado ;)


bye_z!
-- 
    ...all is relative, so don't think you're on the right side...

         :: send all your mail in plain ASCII text, please ::
           http://www.ebruni.it/docs/pippolone196/index.htm
GPGkey 0xCED2206B                Linux counter registered user n° 356433
http://www.no1984.org/                       http://www.againsttcpa.com/


More information about the community mailing list